Brian Binnie -Brian Binnie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Brian Binnie
Brian Binnie di Don Ramey Logan.jpg
Binnie nel 2004
Nato ( 1953-04-26 )26 aprile 1953
Morto 15 settembre 2022 (2022-09-15)(69 anni)
Nazionalità americano
Occupazione Pilota collaudatore
Carriera spaziale
Astronauta commerciale
USA - FAA Astronaut Wings.png
Rango Comandante, Marina degli Stati Uniti
Il tempo nello spazio
~5 minuti
Selezione SpaceShipOne 2003
Missioni Volo SpaceShipOne 17P

William Brian Binnie (26 aprile 1953-15 settembre 2022) è stato un ufficiale della Marina degli Stati Uniti e uno dei piloti collaudatori di SpaceShipOne, l'aereo spaziale sperimentale sviluppato da Scaled Composites e volato dal 2003 al 2004.

Primi anni di vita

La moglie Bub Binnie al completamento del volo finale nell'ottobre 2004

Binnie è nato a West Lafayette, Indiana, il 26 aprile 1953, dove suo padre scozzese William P. Binnie era professore di fisica alla Purdue University . La famiglia tornò in Scozia quando Binnie aveva cinque anni e visse ad Aberdeen (suo padre insegnava all'Università di Aberdeen ) e successivamente a Stirling . Quando Binnie era un'adolescente, la famiglia si trasferì a Boston .

Binnie ha conseguito una laurea in ingegneria aerospaziale presso la Brown University . Ha conseguito un master presso Brown in meccanica dei fluidi e termodinamica. Binnie fu respinto dalla United States Air Force, e si iscrisse alla Princeton University, dove conseguì un master in ingegneria meccanica e aerospaziale. Prestò servizio per 21 anni nella Marina degli Stati Uniti come aviatore navale, raggiungendo il grado di comandante . Ha pilotato l' A-7 Corsair II, l'A-6 Intruder, l' F/A-18 Hornet e l'AV-8B Harrier II . Si è diplomato alla US Naval Test Pilot School nel 1988. Binnie ha anche copilotato l'Atmospheric Test Vehicle del Rotary Rocket . Nel 2006 ha ricevuto una laurea honoris causa dall'Università di Aberdeen.

SpaceShipOne e il volo spaziale

(L–R) Marion Blakey, Mike Melvill, Richard Branson, Burt Rutan, Binnie e Paul Allen riflettono su una missione compiuta nel 2004.

Il 17 dicembre 2003, il 100° anniversario del primo volo a motore dei fratelli Wright, Binnie ha pilotato il primo volo di prova a motore di SpaceShipOne, il volo 11P, che ha raggiunto una velocità massima di Mach 1,2 e un'altezza di 12,9 miglia (20,7 km). Il 4 ottobre 2004 ha pilotato il secondo volo Ansari X Prize di SpaceShipOne, il volo 17P, vincendo l'X Prize e diventando la 436a persona ad andare nello spazio . Il suo volo, che ha raggiunto il picco di 367.442 piedi (69,6 mi; 112,0 km), ha stabilito un record di altitudine di un velivolo alato per i voli suborbitali, battendo il vecchio record stabilito dall'X-15 nordamericano nel 1963. Gli è valso anche il secondo distintivo da astronauta a essere fornito dalla FAA per un volo a bordo di un veicolo spaziale commerciale gestito da privati.

Carriera successiva

Nel 2014 Binnie è entrata a far parte di XCOR Aerospace come ingegnere senior e pilota collaudatore, dopo aver lavorato per molti anni come pilota collaudatore e responsabile aziendale del programma per Scaled Composites .

Vita privata

Binnie e sua moglie, Bub, hanno avuto tre figli.

Binnie è morta il 15 settembre 2022, all'età di 69 anni.

Riferimenti

link esterno