Battaglia di Zutphen -Battle of Zutphen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Battaglia di Zutphen
Parte della guerra degli ottant'anni
Battaglia di Zutphen.png
Foto di Johann Jakob Wick che illustra il suo rapporto sulla battaglia di Zutphen, pubblicato il 12 ottobre 1586
Data 22 settembre 1586
Posizione
Zutphen, Guelders
(l'attuale Olanda )
52°8′51″N 6°12′18″E / 52.14750°N 6.20500°E / 52.14750; 6.20500 Coordinate: 52°8′51″N 6°12′18″E / 52.14750°N 6.20500°E / 52.14750; 6.20500
Risultato Vittoria spagnola
belligeranti
Inghilterra Inghilterra Province Unite
Repubblica olandese
Spagna Spagna
Comandanti e leader
Regno d'Inghilterra Robert Dudley Philip Sidney
Regno d'Inghilterra
Spagna Marchese di Vasto Francisco Verdugo
Spagna
Vittime e perdite
12 cavalieri e 22 fanti uccisi ~200 soldati uccisi
La battaglia di Zutphen si trova nei Paesi Bassi
Battaglia di Zutphen
Posizione all'interno dei Paesi Bassi
La battaglia di Zutphen si trova nel Mare del Nord
Battaglia di Zutphen
Battaglia di Zutphen (Mare del Nord)

La battaglia di Zutphen fu combattuta il 22 settembre 1586, vicino al villaggio di Warnsveld e alla città di Zutphen, nei Paesi Bassi, durante la Guerra degli ottant'anni . Fu combattuta tra le forze delle Province Unite dei Paesi Bassi, aiutate dagli inglesi, contro gli spagnoli. Nel 1585, l'Inghilterra firmò il Trattato di Nonsuch con gli Stati Generali dei Paesi Bassi ed entrò formalmente in guerra contro la Spagna. Robert Dudley, conte di Leicester, fu nominato governatore generale dei Paesi Bassi e inviato lì al comando di un esercito inglese per sostenere i ribelli olandesi. Quando Alessandro Farnese, duca di Parma e comandante dell'esercito spagnolo delle Fiandre, assediò la città di Rheinberg durante la guerra di Colonia, Leicester, a sua volta, assediò la città di Zutphen, in provincia di Gelderland e sulla sponda orientale del fiume sel .

Zutphen era strategicamente importante per Farnese, poiché consentiva alle sue truppe di riscuotere contributi di guerra nella ricca regione del Veluwe . Pertanto, lasciò alcune truppe a bloccare Rheinberg e marciò per dare il cambio alla città. All'inizio fornì personalmente Zutphen, ma mentre l'assedio anglo-olandese continuò, radunò un grande convoglio la cui consegna alla città affidò ad Alfonso Félix de Ávalos Aquino y Gonzaga, marchese del Vasto /Guasto. Leicester venne a conoscenza di questo quando un corriere inviato da Farnese a Francisco Verdugo, l'uomo incaricato di Zutphen, fu intercettato. Gli inglesi e gli olandesi prepararono un'imboscata, nella quale furono coinvolti molti cavalieri e nobili inglesi. Alla fine, gli spagnoli riuscirono a consegnare il convoglio sano e salvo a Zutphen dopo una dura battaglia. La cavalleria spagnola, composta principalmente da italiani e albanesi, fu sconfitta dalla cavalleria inglese sotto il conte di Essex . La fanteria spagnola, tuttavia, mantenne la sua posizione e consegnò il convoglio a Zutphen. Da lì, rinforzate da Verdugo, le truppe spagnole costrinsero gli inglesi alla ritirata.

Zutphen fu assicurato agli spagnoli, anche se nelle settimane successive gli inglesi riuscirono a catturare un importante forte spagnolo, l'applique di Zutphen , sulla riva del fiume sel di fronte alla città. La maggior parte delle conquiste inglesi furono negate quando, mesi dopo, i governatori inglesi di Deventer e Zutphen disertarono ai ranghi spagnoli e cedettero i loro posti a Farnese.

Sfondo

Nel 1585, la regina Elisabetta I d'Inghilterra prese le Province Unite dei Paesi Bassi sotto la sua protezione e firmò il Trattato di Nonsuch con gli Stati Generali. L'Inghilterra inviò 5.000 soldati di fanteria e 1.000 di cavalleria nei Paesi Bassi e Robert Dudley, conte di Leicester, fu proclamato governatore generale dei Paesi Bassi. Comandando prelievi non addestrati e mal pagati, Leicester non riuscì a impedire all'esercito delle Fiandre sotto Alessandro Farnese, di impadronirsi delle città di Grave, Venlo e Neuss, anche se riuscì a prendere Axel .

Robert Dudley, conte di Leicester (ca. 1580–1585). Cerchia di William Segar

Quando Farnese assediò Rheinberg nel settembre 1586, l'esercito di Leicester marciò verso Zutphen e prese una lampada spagnola sulla riva sinistra del fiume sel . Il 18 settembre Leicester ha posato un ponte di barche sull'sel e ha preso posizione sulla riva destra del fiume, circondando così Zutphen. L'esercito anglo-olandese di Leicester era composto da 8.000 fanti, principalmente inglesi e scozzesi, ma anche 1.400 irlandesi, e 3.000 cavalieri. Robert Devereux, conte di Essex, guidò la cavalleria, John Norreys la fanteria, e William Pelham il campo, in cui Gebhard Truchsess von Waldburg, l' arcivescovo deposto di Colonia, e Manuel, figlio del Priore di Crato, pretendente alla corona portoghese, tutti risiedevano.

Alessandro Farnese (ca. 1590). Anton Claeissens

Dopo aver ricevuto la notizia dell'assedio, Farnese inviò il governatore della Frisia, Francisco Verdugo, a Borculo con 400 compagnie di fanteria e due compagnie di cavalleria, e il luogotenente di Verdugo Johann Baptista von Taxis a Zutphen con 600 compagnie di fanteria e due compagnie di cavalleria. Mentre l'assedio continuava, Farnese lasciò alcune truppe per bloccare Rheinberg e fornì Zutphen in persona con 600 cavalieri e un convoglio di 300 carri di grano. Il Leicester era allora a Deventer, ma dopo aver ricevuto la notizia dell'arrivo di Farnese, tornò al campo di Zutphen. Al suo arrivo scoprì che i conti Filippo di Hohenlohe-Neuenstein e Guglielmo Luigi di Nassau-Dillenburg avevano trincerato l'esercito su una collinetta lungo la riva destra dell'sel. Leicester fu informato dei possibili modi attraverso i quali l'esercito spagnolo avrebbe potuto tentare di rifornire la città, ma a causa di un malinteso nessuna truppa fu schierata a guardia delle strade.

Guidate dallo stesso Farnese e da Francisco Verdugo, le truppe spagnole lasciarono Borculo di notte, passarono accanto alla città olandese di Lochem e raggiunsero Zutphen attraverso una stretta via fiancheggiata da fitti boschi. Farnese pregò nella chiesa di St. Walburgis e più tardi salì sulla sua torre per osservare l'esercito inglese. La mattina seguente si tenne un consiglio di guerra dopo che un ufficiale scozzese catturato fu interrogato e rivelò i piani e la forza di Leicester. Farnese considerò la possibilità di difendere lui stesso la città, ma Verdugo lo dissuase a evitare di "dare alla regina d'Inghilterra la fama che il principe di Parma fosse come un prigioniero all'interno di Zutphen". Il Farnese tornò a Borculo, affidò il comando della città a Verdugo e mandò Taxi a presidiare un vicino forte. Mentre l'assedio continuava, marciò verso Lingen con il suo esercito per intercettare un corpo di reiter che veniva reclutato in Germania agli ordini di Elisabetta I. Al suo arrivo, però, i reiter si erano sciolti per mancanza di stipendio.

Battaglia

L'assedio di Zutphen da parte di Leicester e l'applique di Zutphen nel 1586. Anonimo

Preparativi

Per preservare la guarnigione di Zutphen, Farnese raccolse cibo sufficiente per sfamare 4.000 uomini per tre mesi nelle città di Groenlo, Oldenzaal, Lingen e Münster . Mentre questo cibo veniva portato a Borculo, si formò un grande convoglio per rifornire Zutphen. Farnese diede il comando della missione ad Alfonso Félix de Ávalos Aquino y Gonzaga, marchese del Vasto, sotto il quale mise una scorta di 2.500 fanti, di cui 1.000 spagnoli, e 600 cavalieri italiani e albanesi, secondo lo storico gesuita Famiano Strada, o solo 600 fanti e 300 cavalieri come affermato dal cronista e soldato spagnolo Alonso Vázquez, che ne fu un testimone oculare. Il 21 settembre Farnese inviò una lettera a Verdugo ordinandogli di lasciare Zutphen con 1.000 uomini, incontrare il convoglio e consegnarlo al paese. Il corriere di Farnese, tuttavia, fu intercettato vicino a Lochem e Leicester venne a conoscenza del convoglio. Persuaso da uno dei suoi confidenti, il capitano Rowland York, preparò un'imboscata. York aveva prestato servizio per alcuni anni nell'esercito degli Stati olandesi prima di essere imprigionato con l'accusa di aver finto di consegnare Dendermonde agli spagnoli. Quando Bruxelles cadde in mano a Farnese, fu liberato e andò a servire il Leicester, di cui si guadagnò la fiducia.

Leicester aspettava il convoglio spagnolo vicino al piccolo villaggio di Warnsveld, a mezzo miglio da Zutphen. Supportato dal conte di Essex, Sir John Norreys, Sir William Stanley, Lord Willoughby, suo nipote il poeta e cortigiano Sir Philip Sidney, e William Russell, Leicester comandava 1.500 fanti e 200 cavalieri, secondo il coevo studioso inglese Edward Grimeston . Famiano Strada aumenta questi numeri a 3.000 fanti e 400 cavalieri, e Alonso Vázquez a circa 8.000, molti dei quali veterani Frison sotto il conte William Louis di Nassau-Dillenburg. Lo storico americano del XIX secolo John Lothrop Motley, d'altra parte, riduce la forza della forza inglese a 200 cavalieri e 300 picchieri, aggiungendo però che "una forza di fanteria molto più forte era tenuta in riserva e pronta". I soldati inglesi, a differenza degli olandesi, erano ansiosi di ingaggiare le truppe spagnole. Rowland York disse a Leicester che capiva le tattiche spagnole e che gli spagnoli erano incomparabili ai soldati inglesi.

Leicester formò il suo esercito su una via profonda e stretta, con l'elevazione in cui gli olandesi erano trincerati dietro. Dispiegò la sua cavalleria in due squadroni, formò un grande battaglione di fanteria, mise 300 o 350 picchieri avanzati sotto Sir William Stanley e Lord Audley vicino alla strada, e fiancheggiò la strada con maniche di moschettieri e archibugieri . Poiché la mattina del 22 settembre era molto nebbiosa, gli inglesi incontrarono il convoglio prima del previsto. La cavalleria spagnola aprì la strada seguita da un battaglione di fanteria, due maniche di moschettieri che fiancheggiavano i carri e una certa cavalleria che chiudeva la strada. Del Vasto lasciò parte della sua cavalleria vicino a Lochem a guardia delle retrovie del convoglio. Alle 8:00, quando gli spagnoli, guidati dallo stesso marchese del Vasto, ebbero superato Warnsveld, Stanley e Lord Audley iniziarono una scaramuccia con l'avanguardia spagnola. Dopo i primi scontri, il conte di Essex caricò gli spagnoli con la cavalleria inglese, gridando "Seguitemi, bravi ragazzi, per l'onore dell'Inghilterra e della regina d'Inghilterra!"

Imboscata

Il colonnello Francisco Verdugo (ca. 1590–1600). Anonimo, scuola italiana

L'avanguardia spagnola fu respinta dagli inglesi alla prima carica, ma i picchieri spagnoli guidati dai capitani Pedro Manrique e Manuel de Vega, dei tercios di Francisco Arias de Bobadilla e Juan del Águila, formarono i difensori in formazione di squadriglie e mantennero la via aperta ai carri. Quando i carrettieri fuggirono all'inizio del combattimento, gli archibugieri spagnoli dovettero prendere il loro posto e portarono i carri verso Zutphen. I picchieri di Stanley caricarono lo squadrone spagnolo, ma furono respinti dalla spinta del luccio . Mentre il combattimento si avvicinava a Zutphen e Francisco Verdugo notò il fuoco dei moschetti, ordinò di caricare un carro con polvere e proiettili e lo mandò agli archibugieri spagnoli. La cavalleria inglese, nel frattempo, caricò le picche spagnole su uno dei suoi fianchi. Sebbene riuscissero a rompere i due o tre ranghi più in alto, gli uomini dell'Essex non riuscirono a penetrare ulteriormente. Altre due volte gli inglesi caricarono lo squadrone, ma furono ugualmente respinti.

Per ridurre la pressione sulla fanteria spagnola, il marchese del Vasto raccolse la sua cavalleria e caricò la fanteria di Stanley, venendo a sua volta respinto. Fu quasi ucciso quando un soldato inglese lo attaccò con un'ascia da battaglia, ma un cavaliere leggero spagnolo di nome Arenas lo salvò trafiggendo gli inglesi con la sua lancia. Del Vasto si ritirò dal combattimento e incontrò Verdugo e Johann Baptista von Taxis, che fecero una sortita da Zutphen con diverse truppe per unirsi alla battaglia. Nello stesso momento in cui stavano conversando, le truppe inglesi attaccarono senza successo l'applique di Zutphen sull'altro lato dell'sel, che era difeso dal conte Herman van den Bergh con alcuni uomini. Per un momento Verdugo pensò che la scaramuccia fosse all'interno di Zutphen e che i borghesi si fossero sollevati in armi contro le poche truppe spagnole che aveva lasciato dietro le mura. Leicester ha commesso lo stesso errore, credendo che i Frison sotto il conte William Louis di Nassau-Dillenburg stessero combattendo contro gli spagnoli all'interno di Zutphen.

Durante la confusione, la cavalleria lasciata da Del Vasto, che comprendeva le compagnie italiana ed epirota sotto Appio Conti, Annibale Gonzaga, Giorgio Crescia, il marchese di Bentivoglio e Nicolò Cefis, raggiunse Zutphen. Il conte Annibale Gonzaga e il capitano albanese Giorgio Crescia attaccarono gli inglesi da soli, senza gli ordini di Del Vasto. Crescia fu smontato e fatto prigioniero da Lord Willoughby, mentre Gonzaga, non indossando il suo elmo stretto, ricevette un grave taglio al collo e cadde da cavallo. Da parte inglese, Philip Sidney, governatore di Vlissingen, è stato ferito a morte a una gamba nell'ultima carica. La cavalleria spagnola cercò quindi protezione dietro la fanteria, che tenne a bada la cavalleria inglese. Verdugo, sostenuto dal capitano albanese Nicolao Basta e dallo spagnolo Evangelista de las Cuevas, commissario generale della cavalleria, riuscì a riportare l'ordine nelle file spagnole. Vedendo il buon ordine di Verdugo e degli uomini di Del Vasto, i comandanti inglese e olandese non rinnovarono l'azione e cominciarono a ritirarsi nel loro accampamento. Una manciata di picchieri spagnoli, inclusi alcuni ufficiali di basso rango, disobbedirono ai loro ordini e iniziarono a inseguire gli inglesi.

Conseguenze

Memoriale per Sir Philip Sidney nel punto in cui è stato ferito a morte

Il soldato spagnolo Alonso Vázquez etichettò la battaglia di Zutphen come "una delle migliori fazioni che fino a quel momento si fossero viste nelle Fiandre". Per molti anni è stato comune tra spagnoli e olandesi definire un'azione combattuta "calda come la lotta di Zutphen". Secondo John Lothrop Motley, "è probabile che l'incontro sarebbe stato dimenticato dai posteri, ma la malinconia si sarebbe avvicinata su quel campo alla brillante carriera di Sidney". Sidney avrebbe rimosso i suoi cuisses quando vide che William Pelham non ne indossava nessuno. Tuttavia, nel 1590 i soldati di cavalleria indossavano meno armature rispetto al passato e questo, invece della solidarietà di Sidney verso il suo compagno, gli costò la vita. Sidney fu portato nella città di Arnhem per riprendersi, ma morì tre settimane dopo di cancrena, poiché i chirurghi non furono in grado di estrarre il proiettile. Gli storici sono incerti sul numero di vittime subite da entrambe le parti durante la battaglia. Motley afferma che 13 cavalli e 22 piedi uccisi dalla parte inglese, contro "forse" 200 uomini dalla parte spagnola. D'altra parte, Vázquez ha affermato che gli spagnoli "sono stati vincitori con pochissime perdite, avendo ferito e massacrato molte persone ai ribelli".

Il 12 ottobre, per la terza volta, Farnese fornì personalmente la guarnigione di Zutphen, come aveva fatto la prima volta. Più tardi, rimandò Verdugo in Frisia e lasciò Johann Baptista von Taxis a capo di Zutphen. Successivamente, l'esercito spagnolo prese i suoi quartieri invernali . Quando Farnese si trasferì a Bruxelles per trascorrervi l'inverno, il conte di Leicester continuò l'assedio di Zutphen. Non fu in grado di prendere la città, ma riuscì a occupare diversi forti oltre l'sel, incluso l'applique di Zutphen, che fu portato di sorpresa da Edward Stanley, fratello di William Stanley, e altri 12 soldati. Poco dopo anche gli inglesi e gli olandesi presero i loro quartieri invernali. Sir William Stanley ricevette il comando di Deventer, Sir John Burroughs di Doesburg e Rowland York di Zutphen's applique. Le nomine di Stanley e York furono accolte con sospetto dagli Stati olandesi, perché Stanley era apertamente cattolico e York un uomo di carattere dissoluto. Leicester espresse la sua piena fiducia in entrambi i soldati, ma nel 1587 Stanley e York si schierarono con il partito spagnolo e consegnarono l'applique di Deventer e Zutphen a Taxis.

Gli atti di Stanley e York non solo negarono le conquiste della campagna del 1586, ma minarono anche la reputazione di Leicester e la fiducia degli Stati olandesi nelle truppe inglesi. Gli Stati olandesi decisero di nominare il conte Maurizio di Nassau governatore generale dei Paesi Bassi e Filippo di Hohenlohe suo luogotenente. Con la perdita del candeliere di Deventer e Zutphen, gli spagnoli furono in grado di riscuotere contributi di guerra nelle province di Utrecht, Oversel e Gelderland . Zutphen e Deventer rimasero sotto il controllo spagnolo fino alla loro cattura nel 1591 da Maurizio di Nassau.

Appunti

Riferimenti

  • Baudart, cfm l (1616). Le guerre di Nassau . Amsterdam: M. Colin. OCLC 433174028 .
  • Bentivoglio, Guido (1687). Las Guerras de Flandes, desde la muerte dell'imperatore Carlos V hasta la Tregua de los Doce Años . Anversa: Geronymo Verdussen.
  • Grimeston, Edward (1609). Una storia generale dei Paesi Bassi . Londra: A. Islip e G. Eld. OCLC 560893546 .
  • Le Clerc, Jean (1737). Histoire des Provinces Unies des Pays-Bas . vol. I. Amsterdam: Z. Chatelain.
  • Variegato, John Lothrop (1888). Storia dei Paesi Bassi Uniti: dalla morte di Guglielmo il Silenzioso alla tregua dei dodici anni . New York: Harper & Brothers. OCLC 8903843 .
  • Randall, David (2011). "Spedizione nei Paesi Bassi". Enciclopedia dell'Inghilterra dei Tudor . Santa Barbara, California: ABC-CLIO. pagine 790–791. ISBN 9781598842982.
  • Stewart, Alan (2001). Philip Sidney: una doppia vita . Londra: Pimlico. ISBN 9781448104567.
  • Strada, Famiano (1681). Seconda decade delle guerre delle Fiandre: il principio del governo di Alexandro Farnese . Colonia. OCLC 25496894 .
  • Van Nimwegen, Olaf (2010). L'esercito olandese e le rivoluzioni militari, 1588–1688 . Woodbridge: La Boydell Press. ISBN 9781843835752.
  • Vázquez, Alonso (1879). Guerra delle Fiandre e Francia nel tempo di Alejandro Farnese . Madrid: Ginesta. OCLC 42661016 .
  • Wright, Thomas (1838). La regina Elisabetta e i suoi tempi: una serie di lettere originali . vol. II. Londra: Henry Colburn.

link esterno